SPIRITUALITÀ
Pagine Scelte | Vita spirituale, primato da comprendere e custodire
dal Numero 35 del 26 settembre 2021
di Don Dolindo Ruotolo

Quante volte, aderendo a una mentalità mondana, dedichiamo alla vita interiore gli avanzi di tempo della nostra giornata, perché gli altri impegni ed il lavoro sono ciò che va fatto prima di tutto. Gesù insegna l’esatto contrario, con parole che dovremmo tenere scolpite nella mente e nel cuore.

Mentre Gesù andava verso Gerusalemme, sostò in un villaggio chiamato Betania, e si trattenne in casa di una famiglia a Lui devota, la famiglia di Lazzaro (cf. Lc 10,38). Questi aveva due sorelle: Marta, forse la maggiore, che si occupava principalmente delle faccende di casa, e Maria, che comunemente s’identifica con la Maddalena, convertita già da Gesù. Marta, volendo fare gli onori di casa a Gesù, era tutta in faccende per preparare il desinare e, vedendo che la sorella stava ai piedi di Gesù, estasiata nell’ascoltarlo, ne fu contrariata e se ne lamentò col Signore.

Le sembrò un egoismo quello di Maria ed anche una oziosità, quando c’erano tante cose da fare. In quel momento per lei le cose spirituali non avevano alcun valore. Ma Gesù dolcemente la rimproverò dicendole: «Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose. Eppure una sola cosa è necessaria. Maria ha scelto la parte migliore che non le sarà tolta».

In queste parole in apparenza così semplici c’è tutta la valutazione della vita umana sulla terra, ed un ammonimento agli uomini per il vano affannarsi intorno a ciò che passa. Quelle parole: «Porro unum est necessarium» (Una sola cosa è necessaria), dovrebbero esserci scolpite nel cuore e diventare la regola delle nostre attività. I mondani, infatti, vivendo per questa terra soltanto, senza pensiero dell’eterna Vita, credono non solo della massima importanza il badare alle cose temporali, ma addirittura ozioso e vano l’occuparsi delle cose spirituali. Anche quelli che credono di avere una certa stima delle cose spirituali tengono in gran conto la vita attiva, e l’occuparsi massimamente di soccorrere gl’infelici temporalmente, stimando inutile e vana la vita di preghiera e di contemplazione.

Eppure è perfettamente l’opposto.

La vita naturale e ciò che ad essa si riferisce è solo un mezzo per quella spirituale, e la vita spiritualmente attiva è un frutto di quella contemplativa ed interiore; è stoltezza dimenticare l’anima e badare solo al corpo, ed è ugualmente sciocco darsi alle opere esterne di bene senza alimentarle con la vita interiore e con la preghiera.

Se si pensa che tutto passa nella vita, chi può pensare o supporre che possa avere importanza ciò che finisce e possa valere nulla ciò che dura eternamente? Si può dire che tutto lo sconcerto della vita nostra è fondato proprio sulla poca o nessuna valutazione dei beni eterni e di ciò che ad essi ci conduce. La preghiera, la Messa, i Sacramenti, la Parola di Dio sono sempre l’ultima cosa per moltissimi uomini.

Per i genitori, per esempio: la scuola ha un’importanza capitale per i figli, dovendoli avviare verso una qualunque professione, ma tante volte per essi non ha alcun peso la vita spirituale che deve avviarli all’eterna Vita.

Se una figlia deve sposarsi, tutto è poco: dote, corredo, spese di lusso, ma se deve farsi monaca tutto è esagerato. Non importa nulla che la figlia sposandosi se ne vada lontano; anzi si giudicano poco meno che isteriche le sue lacrime nel distacco; ma se, dandosi a Dio, deve per poco allontanarsi, quel dolore appare insopportabile e si cercano tutti i mezzi per impedirlo.

Se un figlio deve affrontare i pericoli più gravi per una professione, fa niente, ma se deve fare una piccola rinunzia per farsi sacerdote, sembra una pazzia.

È una pena grande il constatare questa incoscienza per ciò che è eterno, quasi che fossimo solo per questa vita e per questa terra. Gridiamolo al mondo che vorrebbe allettarci con le sue fantasmagorie: Porro unum, solo una cosa è necessaria; quello che è temporale ci viene tolto e quello che è eterno non ci viene sottratto giammai. Chi si dà a Dio sceglie la parte migliore anche in riguardo alla vita presente, e questa non offre mai disinganni, ma è ricca di pace e di soddisfazioni incomparabili.

I valori veri della vita

Si potrebbe obbiettare: con questo criterio e con questa valutazione, finirebbe tutta la vita presente, e la civiltà con le sue opere non avrebbe ragione di essere. Rispondiamo, ritorcendo l’argomento, che col criterio del mondo praticamente finisce ogni vita spirituale, ciò che è accidentale diventa sostanziale e la famosissima civiltà sbocca inesorabilmente nelle barbarie. Se non ci fosse tutta, diciamo tutta, la storia umana a dimostrarlo, e se ci fosse in questo una sola eccezione, diciamo una sola, si potrebbe anche tollerare l’illusione della civiltà senza spiritualità; ma, dolorosamente, si sa dove sono andati a finire e dove finiscono i grandi imperi. È conosciuta la barbarie spaventosa degli Egiziani, degli Assiri, dei Babilonesi, dei Romani, ed è contemporanea quella degli imperi moderni.

Chi dissente da questo nega l’evidenza, o crede civiltà l’assassinio, la sopraffazione, la corruzione dei costumi, il furto legalizzato, l’aborto, il divorzio, la prostituzione, l’infanticidio, ecc., ecc. [...].

Non diciamo di ritornare a forme primitive di vita, il che peraltro sotto molti aspetti sarebbe anche desiderabile, ma diciamo di ricordare che porro unum est necessarium, e che cercare le alte mete dello spirito è il sommo della vera civiltà, e la civiltà è vero progresso solo quando favorisce ed aiuta l’indipendenza dello spirito dalla materia.   

 

tratto da: 
I quattro Vangeli

Proprietario
Associazione Casa Mariana Editrice
Sede Legale
Via dell'Immacolata, 4
83040 Frigento (AV)
Associazione "Casa Mariana Editrice" - Il Settimanale di Padre Pio. Tutti i diritti sono riservati. Credits
Le foto presenti su settimanaleppio.it sono prese in larga parte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.