I FIORETTI
Il bene totale dei figli
dal Numero 40 del 21 ottobre 2018

Il dottor Nicola Bellantuono, medico chirurgo di Casa Sollievo della Sofferenza, sottolinea il senso di dovere che il Santo avvertiva per i suoi figli, come un buon papà, che provvede a tutto. Scrive: «Lo stesso interessamento che aveva per il bene spirituale del prossimo padre Pio lo manifestava anche per il loro bene materiale.
Durante gli anni di università, trovandomi in difficoltà finanziarie per proseguire gli studi, mi rivolsi al Padre in confessione: “Padre, non posso più continuare gli studi per motivi economici”.
Egli mi rispose: “Ritornare indietro è troncare la vita. Pregherò io il Signore che ti apra le porte della Provvidenza”. Difatti trovai una soluzione».
Lo stesso dottor Bellantuono rileva ancora la premura che ha avuto padre Pio quando lui cominciò a muovere i primi passi nell’esercitare l’arte medica.
Egli cominciò a lavorare presso una clinica di Napoli ed il suo direttore, avendo sentito parlare del Santo, lo pregò di presentarlo a padre Pio in un’occasione che egli avrebbe reputato opportuna. I due vennero a San Giovanni Rotondo ed incontrarono il Padre, il quale chiese al primario medico: “Come si comporta Nicolino?”.
Egli rispose: “Ottimamente”.
Ed il Padre aggiunse: “Ed allora trattalo ottimamente”».
Ma la stessa attenzione riservata a questo figlio spirituale, padre Pio la dimostrava anche verso persone che conosceva appena.
Racconta Anna Benvenuto: «La signora Flora Cimica, mi pare di Macerata, lasciò una villa in dotazione di Casa Sollievo della Sofferenza, senza riservare l’usufrutto anche alla sorella Lina, con cui viveva.
Padre Pio seppe della cosa dalla stessa Flora e disse: “Hai pensato a tua sorella? E se tu muori prima di lei? Torna subito indietro e fa’ scrivere che l’usufrutto deve valere anche per la sorella”.
E la signora Cimica fece secondo le indicazioni del Padre».
Questa era la linea che seguiva padre Pio nel trattare con il prossimo.
Osserva Antonio Bianchi: «Suscitava in alcuni un certo disagio la varietà di tratto tenuto con i suoi figli spirituali? Il Padre pronto a chiarire: “Alcuni hanno di più, altri di meno. Ma nessuno sale questa montagna, senza aver avuto la sua parte”.
Una volta una ragazza si lamentò col Padre perché le sembrava che facesse preferenze. Egli con dolcezza rispose: “Figlia mia, ti ho forse fatto mai mancare qualcosa?”».

Padre Marcellino IasenzaNiro,
Padre Pio, profilo di un santo, pp. 348-349