Un terribile peccato
dal Numero 44 del 12 novembre 2017

Capitava spesso che era il santo Confessore, attraverso la luce dello Spirito Santo, a vedere nell’anima la macchia [del peccato di bestemmia].
Cesare Salvucci era sceso dalle Marche insieme ad un amico per portare dei mobili a Monte Sant’Angelo (FG). Mentre facevano l’ultima salita, prima di giungere a destinazione, il camion rimase in panne, si fermò. Non ci fu verso per farlo ripartire. L’autista perse la calma e fu preso dall’ira.
Il giorno dopo i due andarono a San Giovanni Rotondo, ove Cesare aveva una sorella. Tramite lei ottennero di confessarsi da Padre Pio. Entrò prima l’amico. Il Padre non lo fece neanche inginocchiare e lo cacciò via apostrofandolo pesantemente.
Venne poi il turno di Cesare che cominciò il colloquio e disse: «Mi sono adirato».
E Padre Pio gridò: «Sciagurato, hai bestemmiato la Mamma nostra! Che ti ha fatto la Madonna?». E lo cacciò via.
Da un’altra testimonianza apprendiamo una verità che spesso ci sfugge, quando si parla di bestemmia: il demonio è tanto vicino a chi oltraggia il Nome santo di Dio da diventare suo familiare.
In un albergo di San Giovanni Rotondo non si poteva riposare né di giorno né di notte, perché c’era una bambina indemoniata che urlava da far spavento. La mamma portava ogni giorno la piccola in chiesa con la speranza che Padre Pio la liberasse dallo spirito del male. Anche qui il baccano che si verificava era indescrivibile.
Una mattina dopo la confessione delle donne, nell’attraversare la chiesa per far ritorno in convento, Padre Pio si ritrovò davanti l’energumena che urlava paurosamente, trattenuta a stento da due o tre uomini. [...]. Ad un medico presente il Padre disse di portarla da san Michele, al vicino santuario di Monte Sant’Angelo, distante poco più di venti chilometri.
Luciano Livellara, di Milano, mise a disposizione la sua macchina ove insieme alla bambina prese posto la madre; in un’altra auto salì il medico ed un frate robusto, a cui Padre Pio aveva detto di accompagnare i pellegrini.
Questi, arrivati a destinazione, entrarono nella grotta dove è apparso san Michele. La bambina si rianimò, ma non c’era verso di farla avvicinare all’altare dedicato all’Arcangelo: l’autista, il medico, il frate ed un altro signore, che si era aggiunto a loro, non erano capaci di tener fermo questo essere minutino che sfuggiva da tutte le parti.
Ci fu un istante fortunato per i volenterosi benefattori: il frate con un gesto rapido ed energico riuscì ad afferrare la piccola mano che sfiorò l’altare di san Michele. La bambina come folgorata piombò a terra.
Si riebbe poco dopo, tutta serena e tranquilla come se non fosse successo nulla, e con dolcezza chiese: «Mamma, mi compri un gelato?».
Esaudito il desiderio della bambina, la piccola comitiva ritornò a San Giovanni Rotondo per informare e ringraziare il Padre, il quale rivolto alla mamma disse: «Di’ a tuo marito che non bestemmiasse più, altrimenti il demonio ritorna».

Padre Marcellino IasenzaNiro,
“Il Padre” San Pio da Pietrelcina.
La missione di salvare le anime
, pp. 210-212

QUESTA SETTIMANA
Numero 44
del 12/11/2017

› Sfoglia l'anteprima!
PELLEGRINAGGI
Pellegrinaggio a Fatima ottobre 2017
Da lunedì 9 ottobre 2017
a lunedì 16 ottobre 2017
APPUNTAMENTI
Sulle vette dell'Amore

Da mercoledì 3 agosto 2016
a mercoledì 10 agosto 2016
COLORA E RIFLETTI
Scarica la vignetta e divertiti a colorarla!