RELIGIONE
Maria Rosa Mistica: svolta sul caso Montichiari-Fontanelle
dal Numero 8 del 23 febbraio 2020
di Fra’ Pietro Pio M. Pedalino

Sebbene la Chiesa mantenga sulle apparizioni un prudenziale silenzio, è ora approvato e benedetto il culto che migliaia di persone offrono a Maria Rosa Mistica in spirito di preghiera e riparazione per la Chiesa e i consacrati.

Nonostante sia stato annunciato parecchio tempo prima, quanto è accaduto lo scorso 7 dicembre 2019 a Montichiari (Brescia) ha superato di gran lunga le aspettative persino dei più speranzosi anche per un fatto – con ogni evidenza prodigioso – allora occorso: attorno alle 16:00 pomeridiane (certamente troppo presto per un tramonto...) il cielo si è tinto di rosso fuoco e il sole – riferiscono molti presenti che hanno testimoniato – è stato visibile a occhio nudo per uno spazio significativo di tempo.

Sua Eccellenza Pierantonio Tremolada, vescovo di Brescia, era visibilmente commosso durante la Santa Messa da lui presieduta, in occasione dell’istituzione del Santuario diocesano Rosa Mistica Madre della Chiesa dove, dal Dopoguerra ad oggi, si è sviluppato un culto mondiale ricco di frutti spirituali: «I luoghi e le strutture presenti nella nostra Diocesi in località Fontanelle, nel territorio della parrocchia di Santa Maria Immacolata in Borgosotto di Montichiari (BS), sono diventati ormai da diversi anni un importante punto di riferimento spirituale e un luogo di pellegrinaggio per migliaia di fedeli dall’Italia e dall’Estero»(1).

Il giornalista e scrittore Riccardo Caniato, primo curatore dei diari della veggente di Fontanelle Pierina Gilli e membro ufficiale della Fondazione Maria Rosa Mistica, riconosce con gioia l’importanza di tale avvenimento: «È un fatto importantissimo sia, nello specifico, per il “caso di Fontanelle”, sia per tutta la Chiesa in generale [...]. Nell’omelia [...] il vescovo Tremolada, dopo aver espresso gioia e gratitudine per la proclamazione del nuovo Santuario diocesano dedicato alla Beata Vergine, ha usato queste parole: “Con questo atto solenne ci inseriamo in un solco aperto da chi ci ha preceduto”. Ebbene, questo “solco aperto”, è senz’altro quello tracciato dagli ultimi vescovi bresciani che hanno preparato la strada, ma, ancor di più, è il solco del sensus fidei del popolo di Dio. Perché, e mi piace pensarlo: è stata proprio la grandissima fede del popolo mariano, sparso in tutto il mondo, a rompere i pregiudizi e a mostrare questo luogo sotto una nuova luce»(2).

Da un lato è vero che il riconoscimento del culto di “Maria Rosa Mistica” non significa automaticamente il riconoscimento delle stesse apparizioni. Dall’altro, però, è da rilevare come sulle apparizioni non esiste alcun decreto di “non constat”(3), come invece si pensava. Infatti, quando l’allora vescovo, mons. Giacinto Tredici, nel 1951, si recò nella parrocchia di Montichiari e disse: «Non ci sono elementi sufficienti per riconoscere la soprannaturalità», a tale dichiarazione sospensiva, non fece mai seguito alcun decreto formale. L’attuale vescovo titolare ha dimostrato, con le sue dichiarazioni in occasione del riconoscimento del culto, che è necessario riaprire il caso con nuove e più accurate indagini, in quanto finora l’esame non è andato esente da qualche pregiudizio ed errore di valutazione.

Lo stesso Caniato, circa la devozione spontanea verso Maria Rosa Mistica diffusasi rapidamente in tutto il mondo, ricorda significativi fatti prodigiosi legati ad alcune statue e immagini di Rosa Mistica: «In Libano, per esempio, sono state trovate icone di Rosa Mistica che trasudano olio profumato, in America ci sono statue che hanno pianto lacrime e sangue, il medesimo fenomeno si è verificato in India, dove vescovi e cardinali hanno visto trasudare miele, segno di benedizione, da un’immagine della Vergine, e via dicendo... Poi ci sono i miracoli: sono nate almeno due congregazioni religiose ispirate a Rosa Mistica, che fanno riferimento a Brescia e che sono state riconosciute dai rispettivi vescovi, oltre ad una miriade di associazioni religiose. Le guarigioni e le conversioni, invece, non si contano più...»(4).

A Pierina Gilli la Madonna si presenta con il titolo di “Maria Rosa Mistica e Madre del Corpo Mistico, la Chiesa”, mostrandosi in vesti candide con tre rose sul petto. Fu Ella stessa a spiegare il significato di queste rose: erano le preghiere, i sacrifici e le penitenze richieste alla veggente e a chiunque avesse creduto a questa sua venuta, per riparare i torti di tre specifiche categorie di consacrati: quelli che vengono meno alla loro vocazione, quelli che vivono in peccato mortale e i sacerdoti che tradiscono Gesù, come Giuda.

Questo messaggio non poteva certo lasciare indifferenti, soprattutto il clero e le autorità ecclesiastiche. Annota ancora Caniato: «Per la Chiesa di allora, con i seminari ancora pieni, era impensabile un richiamo tanto esplicito e tanto drammatico circa le proprie mancanze e negligenze. In poche parole, nell’immediato Dopoguerra, la Madonna paventava una grande crisi di fede che avrebbe colpito il cuore della Casa di Dio nei suoi figli prediletti, i consacrati. E richiamava con forza ad una nuova conversione di fronte al dilagare dell’indifferenza e dei gravi peccati. Ebbene se, al tempo, poteva sembrare la follia di una sedicente veggente, oggi tutti possono riconoscere che in queste parole c’era una profezia»(5).

Ma come in tutte le più significative apparizioni mariane, assieme alla denuncia dei mali e la messa in guardia dai pericoli, la Vergine Maria non manca di indicare una strada percorribile per uscire dalla crisi, così anche a Montichiari-Fontanelle.

In un messaggio molto significativo della Rosa Mistica alla veggente Pierina (17 aprile 1978) si legge: «Pregate figli, pregate anche per quei vostri fratelli che fanno soffrire tanto la Chiesa del mio Divin Figlio Gesù Cristo... anch’essi hanno un’anima da salvare... offrite almeno voi figli diletti sacrifici al Signore per una loro conversione radicale... che dalla rinuncia del peccato... ritornino alla pienezza di una vita nuova di veri cristiani. E voi miei figli che siete stati fedeli all’amore del mio Divin Figlio Gesù Cristo continuate ad amare dando a questi fratelli che si sono allontanati il perdono di amore!... (qui la Madonna si dimostrò tanto dolce e maestosa). Allargo le mie braccia, apro il mio Cuore materno donando a tutti i figli il mio amore di Madre!... La gloria del Signore trionferà!...».

Non sfuggirà certo, ai conoscitori delle apparizioni mariane, un non piccolo particolare: preghiere, sacrifici, penitenze, Cuore Immacolato di Maria: sembra di sentire il messaggio di Fatima... Proprio così. Le mariofanie, infatti, sono interventi che provengono tutti da una medesima persona, l’Immacolata che, per volontà di Dio, desidera aiutare gli uomini a non perdere nell’inferno la loro anima immortale e, perciò, si intrecciano in un unico disegno di Salvezza: «C’è infatti un grandissimo legame tra le apparizioni di Fatima e le presunte apparizioni di Fontanelle. Tanto è vero che il 7 dicembre del 1947, la Madonna, apparendo a Pierina nel Duomo di Montichiari, le mostrò proprio Giacinta e Francesco di Fatima: “Essi ti saranno compagni in ogni tua tribolazione. Hanno sofferto anch’essi benché più piccoli di te [...] Ti aiuteranno. Ecco quanto desidero da te, semplicità e bontà come in questi bambini”»(6).

In ultimo, utile sapere cosa la Madonna, a Montichiari-Fontanelle, chieda a tutti noi. Le richieste sono poche, gli appelli diretti e precisi. Eccoli in uno schema essenziale:
1) L’unione mondiale della Comunione riparatrice il giorno 13 di ogni mese per tutti gli oltraggi e le offese a Gesù Eucaristia. Dice Rosa Mistica a Pierina: «Il mio Divin Figlio mi ha inviata nuovamente per chiedere l’Unione Mondiale della Comunione riparatrice e questo sia il giorno 13 di ottobre. Sia diffusa a tutto il mondo questa santa iniziativa che deve incominciare quest’anno per la prima volta e sia sempre ripetuta ogni anno».
2) Sempre il 13 di ogni mese – data legata alle apparizioni di Fatima – Rosa Mistica chiede: la confessione dei peccati, la partecipazione alla Santa Messa, la Comunione, la recita del Rosario e un’ora di Adorazione eucaristica.
3) L’Ora di Grazia universale, l’8 dicembre di ogni anno, alle ore 12.00: «Con tale pratica – promette la Vergine Santissima – si otterranno numerose grazie spirituali e corporali». Oltre a questi tre appelli, sull’esempio di Pierina Gilli, la Madonna invita i fedeli ad offrire la propria vita per amore di Cristo e della sua Chiesa.

L’aggancio con i messaggi di Fatima, nonché le recenti approvazioni del culto di Rosa Mistica, fanno di questo avvenimento mariano un tesoro per la Chiesa e per le anime, da scoprire magari programmando di recarsi in pellegrinaggio sui luoghi, per toccare con mano la potenza e la bontà di quella Immacolata che Dio ci ha donato in questi tempi difficili e di «diabolico disorientamento» (Suor Lucia di Fatima al padre Augustin Fuentes). 


NOTE

1) Mons. Pierantonio Tremolada, Lettera aperta alla Diocesi, 21 novembre 2019.

2) Costanza Signorelli, Maria e il Suo popolo. Svolta storica sul “caso Fontanelle” (intervista a Riccardo Caniato), 10.12.2019: https://lanuovabq.it/it/maria-e-il-suo-popolo-svolta-storica-sul-caso-fontanelle

3) Esistono tre possibili giudizi alla fine di un’indagine ecclesiastica su presunti fatti soprannaturali: constat de supernaturalitate, con cui si afferma l’origine soprannaturale degli eventi; non constat de supernaturalitate, con cui si esprime l’insufficienza dei dati e degli elementi a disposizione per affermare o negare il carattere soprannaturale di una presunta rivelazione privata; constat de non supernaturalitate, con cui si nega il carattere soprannaturale dei fatti presi in esame.

4) Riccardo Caniato, Maria e il Suo popolo. Svolta storica sul “caso Fontanelle”.

5) Ibidem.

6) Ibidem.