Limbo: esiste?
dal Numero 46 del 26 novembre 2017
di Don Leonardo M. Pompei

Il dibattito teologico sull’esistenza del limbo deve necessariamente fondarsi anzitutto sui vari interventi magisteriali, i quali hanno accennato in diverse occasioni a questo tema, pur senza volerlo definire come dogma di Fede.

Il mistero del Paradiso
dal Numero 45 del 19 novembre 2017
di Don Leonardo M. Pompei

Che cos’è il Paradiso? Il Catechismo risponde affermando che il Paradiso «è il godimento eterno di Dio, nostra felicità, e, in Lui, il godimento di ogni altro bene, senza alcun male». In esso infatti si possiede il “lume della gloria” per poter contemplare Dio faccia a faccia...

La Regina degli Angeli
dal Numero 30 del 30 luglio 2017
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Accanto al suo divin Figlio, anche la Vergine Santissima è Regina per grazia. Regina del Cielo e della terra, Regina dunque persino degli Angeli. Per questo, ancor prima di concepire il Verbo di Dio, l’angelo Gabriele già si inginocchiava al cospetto della sua Signora.

Gli Angeli nella Beatitudine eterna
dal Numero 26 del 2 luglio 2017
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Come sono diversi i compiti dei vari gradi militari durante la battaglia e dopo il trionfo, così variano i ruoli degli Angeli sulla terra e in Paradiso. Tuttavia, essi continueranno sempre, anche quando gli uomini saranno nella Gloria, a svolgere verso di loro un ruolo di illuminazione, poiché la loro carità non verrà mai meno.

Le opere del maligno
dal Numero 22 del 4 giugno 2017
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Con il Santo Battesimo l’anima dell’uomo è strappata al dominio di satana e riconquistata a Cristo. Tuttavia, il diavolo non si dà per vinto e cerca in tutti i modi di riacquistare quell’anima, lungo il corso della sua vita terrena, servendosi di tante esche insidiose che toccano la psiche umana per inclinarla al peccato.

Il potere del diavolo
dal Numero 21 del 28 maggio 2017
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Come gli Angeli buoni, anche i demoni, in senso contrario, conservano una loro gerarchia di autorità e di potere nell’infelice regno di cui Lucifero è il principe. Essi lavorano per la perdizione degli uomini e tuttavia, senza volerlo, rimangono pur sempre strumenti nelle mani di Dio.

Il mistero di Maria Santissima e la caduta di lucifero
dal Numero 19 del 14 maggio 2017
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

La scuola francescana sostiene che il progetto divino dell’Incarnazione, finalizzato principalmente alla massima glorificazione di Dio, fosse stato mostrato agli Angeli affinché lo abbracciassero con slancio e ossequio, e che in questo sia consistita la prova degli Angeli all’inizio del tempo.

L’umanità perfetta del Salvatore
dal Numero 16 del 23 aprile 2017
di Don Leonardo M. Pompei

Due autorevoli Documenti di Papa Damaso rilevano e contrastano le conseguenze deleterie del pensiero eretico dell’apollinarismo, che abbiamo già preso in esame. La retta Dottrina cattolica salvaguarda la presenza di un solo e unico Salvatore (la Seconda Persona della Trinità) e la compresenza in Gesù Cristo di due distinte e complete nature (divina e umana).

Gli Angeli divenuti tenebra
dal Numero 9 del 5 marzo 2017
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Non soltanto l’uomo, ma anche gli Angeli sono potuti venir meno al fine per il quale Dio li ha creati, con una scelta però irrevocabile. Sono caduti nell’abisso “l’Angelo ribelle per eccellenza” e con lui molti altri, i cosiddetti “angeli delle tenebre” o più comunemente designati con altri termini.

Il mistero di Cristo
dal Numero 8 del 26 febbraio 2017
di Don Leonardo M. Pompei

In passato c’è chi non ha creduto alla sua “vera incarnazione” e chi ha affermato che Cristo aveva un corpo “solo apparente”. Di vitale importanza per ogni fedele è l’esatta comprensione della persona e della missione del Figlio di Dio, dalla quale è scaturita la salvezza per “tutto l’uomo”.

Gli Angeli e la preghiera della Chiesa
dal Numero 8 del 26 febbraio 2017
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

L’unione tra la Chiesa celeste e quella terrestre è espressa anche dal culto di lode a Dio nel quale alla voce degli Angeli, si unisce quella dell’uomo, quasi come “decimo coro angelico”. Il coro osannante della Liturgia cristiana non è altro che un’eco e un anticipo del coro celeste.

L’Amore è Dio Unitrino
dal Numero 7 del 19 febbraio 2017
di Don Leonardo M. Pompei

Le creature dotate di ragione sono capaci di conoscere, ricevere, comprendere, corrispondere all’Amore divino, e viverlo donandolo agli altri. L’Amore infatti è il mistero dell’Essenza divina, ed è anche il mistero di ogni sua creatura, che per amore è stata creata e all’amore aspira.

La creazione e la presenza degli Angeli
dal Numero 48 del 11 dicembre 2016
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

È interessante chiedersi “quando” gli Angeli furono creati, se prima o dopo la creazione del mondo, e “dove” essi si trovano, se sono vincolati ad uno spazio. Tra le varie divergenze dei Padri e dei teologi, alcune opinioni sembrano più chiare e plausibili.

Tutto ciò che Dio è e fa è Amore
dal Numero 46 del 27 novembre 2016
di Don Leonardo M. Pompei

Dio è amore nella sua essenza. La rivelazione dell’evangelista san Giovanni ha una portata dirompente, perché garantisce la realtà trinitaria di Dio. L’amore, infatti, per definizione presuppone una relazione di Persone... ciò che è da sempre e per sempre nell’intimo della Santissima Trinità.

La Santissima Trinità
dal Numero 41 del 23 ottobre 2016
di Don Leonardo M. Pompei

La Santissima Trinità è il “primo mistero” della nostra Fede, ciò che prima di tutto la distingue dalle altre religioni monoteiste (ebraismo e islamismo). Ma pochi sono coloro che conoscono ciò che di questo ammirabile e insondabile mistero si può conoscere...

Gli Angeli: luce di volontà, di grazia e di gloria
dal Numero 40 del 16 ottobre 2016
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

La seconda facoltà naturale posseduta dagli Angeli, oltre all’intelligenza, è la volontà: forte e ardente ma anch’essa con i suoi limiti creaturali. Accanto alle facoltà naturali poi essi possiedono, per dono gratuito di Dio, la Grazia e, superata la prova, il dono della Gloria.

La natura degli Angeli
dal Numero 38 del 2 ottobre 2016
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Pregare gli Angeli significa entrare in contatto con esseri viventi, capaci di iteragire, di conoscere e di amare. Il loro essere “puri spiriti” infatti non significa che sono una sorta di “fantasmi”, anzi, in essi si trovano le proprietà dello spirito umano in grado ancora più eminente.

L’esistenza degli Angeli
dal Numero 35 del 11 settembre 2016
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

«Se si volesse sbarazzarsi degli angeli, si dovrebbe rivedere radicalmente la Sacra Scrittura stessa», affermava san Giovanni Paolo II. Infatti, l’esistenza degli Angeli è attestata da numerosissime Pagine sacre. Da cosa nasce dunque allora l’incredulità imperante nei confronti di queste creature “invisibili e spirituali”?

L’astinenza e il digiuno
dal Numero 32 del 21 agosto 2016
di Don Leonardo M. Pompei

Parte integrante della virtù della temperanza è l’astinenza, il cui atto principale è il digiuno. In cosa consiste e in che modo e in quali tempi il cristiano ne è vincolato?

Chi è il vero forte? La virtù della fortezza
dal Numero 28 del 17 luglio 2016
di Don Leonardo M. Pompei

Tutti sono pronti ad ammirare un uomo o una donna “forte”, ma cosa rende tale fortezza virtù, e quindi ammirata anche da Dio? La virtù della fortezza, per essere tale, deve reprimere il timore e regolare l’audacia. In essa infatti si può mancare per difetto o per eccesso.

Vizi opposti alla religione
dal Numero 22 del 5 giugno 2016
di Don Leonardo M. Pompei

Facile è oggi imbattersi in tante pratiche superstiziose e idolatre. Queste si oppongono in modo netto e diretto alla virtù di religione, storpiando il vero e unico culto dovuto a Dio, o sottraendoglielo. Vediamone i casi concreti.

La virtù teologale della carità
dal Numero 5 del 31 gennaio 2016
di Don Leonardo M. Pompei

L’ultima delle tre virtù teologali è la Carità. Ultima non certo per importanza; infatti, la virtù della «carità è così grande perché è quella che esprime la vita intima di Dio», e costituisce persino un vero e proprio «precetto».

I peccati contro lo Spirito Santo
dal Numero 2 del 10 gennaio 2016
di Don Leonardo M. Pompei

Appartengono ai peccati contro la Fede i peccati “contro lo Spirito Santo”, nella cui tipologia si distinguono 5 specie di peccati che esamineremo.

La libertà e le cause che la diminuiscono
dal Numero 40 del 11 ottobre 2015
di Don Leonardo M. Pompei

Spesso si sente addurre ragioni come l’ignoranza in materia morale, al fine di giustificarsi da alcune colpe. Le delucidazioni di san Tommaso fanno invece ben comprendere come, nella maggioranza dei casi, questa non sia sufficiente a diminuire la volontarietà di alcune azioni.

I principi della vita morale
dal Numero 38 del 27 settembre 2015
di Don Leonardo M. Pompei

L’uomo è realmente libero nel suo agire? A questa domanda bisogna rispondere affermativamente, deducendo altresì che essendo libero è anche responsabile di ogni suo atto con le rispettive conseguenze; meritevole dunque di premio o passibile di castigo.

Il Paradiso
dal Numero 22 del 31 maggio 2015
di Don Leonardo M. Pompei

Il Paradiso è la Visione beatifica di Dio nella sua Essenza, è dunque l’appagamento di ogni umana aspirazione poiché tutti sono stati creati per questo. Purtroppo, però, non tutti ci entrano a causa del personale libero arbitrio che può scegliere di separarsi da Dio col peccato. La libertà è il più grande dono che Dio ha fatto all’uomo, ma le sue scelte hanno conseguenze eterne.

La Santa Messa: insondabile mistero!
dal Numero 7 del 15 febbraio 2015
di Don Leonardo M. Pompei

La Santa Messa: “perennizzazione” in maniera incruenta del Sacrificio cruento del Calvario. Mistero straordinario e Divino che dev’essere necessariamente conosciuto in tutta la sua sacralità, per potervisi degnamente unire.

L’ultimo Sacramento
dal Numero 5 del 1 febbraio 2015
di Don Leonardo M. Pompei

Detta “estrema”, l’Unzione cristiana è un sacramento importantissimo che va amministrato solo in serio pericolo di vita, per proteggere l’anima dalle insidie del nemico e riconciliarla con quel Dio che a breve vedrà senza veli. Un’errata comprensione di tale Sacramento ha favorito il diffondersi di alcuni abusi...

Il Corpo e il Sangue del Signore
dal Numero 45 del 16 novembre 2014
di Don Leonardo M. Pompei

Transustanziazione. È il termine usato dalla Chiesa per esprimere il più grande miracolo da essa custodito. Non una Presenza simbolica, apparente, quella di Gesù nell’Ostia, ma reale, vera. Quando si è compreso davvero ciò, si possono e devono evitare tutte le irriverenze.

La forza salvifica dei Sacramenti
dal Numero 42 del 26 ottobre 2014
di Don Leonardo M. Pompei

L’uomo moderno ha gettato nel dimenticatoio i Sacramenti. Ne fa uso sconvenientemente o per niente, ha perso la percezione soprannaturale di essi che, proprio perché divini, hanno potenza di Salvezza. È necessario recuperare la Fede nei Sacramenti e la consapevolezza del nostro «bisogno di essere salvati».

Il Sacerdozio? Solo maschile
dal Numero 33 del 24 agosto 2014
di Don Leonardo M. Pompei

Riguardo il Sacramento dell’Ordinazione sacerdotale vogliamo considerare un aspetto importante senza il quale non può avvenire alcuna Ordinazione: il sacerdote dev’essere un «individuo battezzato di sesso maschile». Una Lettera di Giovanni Paolo II non lascia spazio a dubbi.

“Io ti assolvo” se...
dal Numero 31 del 3 agosto 2014
di Don Leonardo M. Pompei

Il sacramento della Confessione è particolare in quanto alla “materia”. Si moltiplicano nei tempi attuali gli oltraggi per la trascuratezza nella Confessione, da parte di chi si confessa e di chi confessa persino. Vediamo i tre atti necessari del penitente, e alcuni comportamenti inopportuni.

Sotto le Specie del pane e del vino
dal Numero 30 del 27 luglio 2014
Di Don Leonardo M. Pompei

L’augusto sacramento dell’Eucaristia, celebrato nella Chiesa Cattolica mediante la Consacrazione del pane e del vino frammisto a qualche goccia d’acqua, è per l’anima cristiana alimento, ristoro e diletto. In esso l’anima viene elevata nella sublime partecipazione alla Vita divina!

Battesimo e Cresima. Nozioni importanti
dal Numero 29 del 20 luglio 2014
di Don Leonardo M. Pompei

La Dottrina cattolica è ricca di insegnamenti che siamo in dovere di conoscere. Vogliamo conoscere e commentare le principali caratteristiche del Battesimo e della Confermazione, Sacramenti fondamentali e preziosi.

I Sette Sacramenti. Un settenario di grazia
dal Numero 28 del 13 luglio 2014
di don Leonardo M. Pompei

Con la Nuova Alleanza abbiamo ricevuto i?Sette Sacramenti: non più simboli della grazia ma portatori della grazia che contengono in sé e comunicano. I Sacramenti, questi doni preziosi lasciatici dal Signore, sono la vita e il cuore del Cristiano.

La caduta d’origine
dal Numero 22 del 1 giugno 2014
di Don Leonardo M. Pompei

La dottrina cattolica del peccato originale è quanto mai necessaria all’uomo per capire se stesso e collaborare con la grazia di Cristo ottenuta col Battesimo alla propria salvezza. In passato c’è stato chi ha deviato, frainteso o avversato tale dottrina e diversi Concili hanno infine definito ciò che è da credersi.

L’uomo per Iddio o Dio per l’uomo? La questione antropologica
dal Numero 19 del 11 maggio 2014
di Don Leonardo M. Pompei

Inizia una sezione dedicata a tematiche riguardanti il Magistero della Chiesa. Bisogna iniziare col comprendere quale relazione intercorra tra Dio e l’uomo, riconoscere la reale identità dell’Uno e l’altro.

La Soddisfazione
dal Numero 5 del 2 febbraio 2014
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Di grande importanza sono le preghiere o i piccoli impegni di penitenza che il sacerdote dà in Confessione dopo l’assoluzione! La cosiddetta “soddisfazione” è parte integrante del Sacramento ed è bene compierla il prima possibile.

Confessione: a domanda risposta
dal Numero 3 del 19 gennaio 2014
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

La natura umana è incline a trovare mille scuse che giustifichino l’inadempienza di certi doveri religiosi. Di seguito le risposte ad alcune diffusissime “obiezioni” sul dovere della Confessione come Sacramento e la necessità di accusare i propri peccati al ministro di Dio.

Il proponimento di non peccare. Confessione: Sacramento di misericordia
dal Numero 45 del 17 novembre 2013
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Elemento efficace per una santa Confessione, come già visto, è il proponimento di non peccare più, frutto di una volontà decisa e ferma a non voler offendere Dio. Questo proposito, difatti, ha tre caratteristiche importanti: fermezza, universalità ed efficacia. Vediamo in cosa consistono.

L’esame di coscienza. Mezzi per farlo bene
dal Numero 41 del 20 ottobre 2013
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

L’azione propedeutica all’esame di coscienza è di sicuro la preghiera. Dopodiché, non esiste un vero e proprio metodo d’esaminarsi. Ma qualche breve consiglio può aiutare l’anima. Resta perennemente valido il consiglio di imitare i Santi anche in questo!

Per risalire la cima. Conoscere i vizi e le virtù.
dal Numero 40 del 13 ottobre 2013
di Leonardo M. Pompei

Capire in quale drammatica situazione si svolge la vita dell’uomo dopo la caduta dei Progenitori è essenziale per comprendere le cattive tendenze che ognuno sente dentro di sé e per dare un senso pieno alla lotta che ognuno è chiamato a compiere per l’acquisto delle virtù cristiane.

La Confessione. Sacramento di misericordia.
dal Numero 37 del 22 settembre 2013
di Padre Angelomaria Lozzer, FI

Per comprendere l’importanza e l’autenticità del sacramento della Confessione, «è importante e indispensabile attingere anche dalla storia primitiva e dai Padri della Chiesa». Nostro Signore in prima persona sprona alla confessione dei peccati e moltissimi santi dei primi secoli lo ribadiscono.

“L’operaio ha diritto alla sua mercede”
dal Numero 33 del 26 agosto 2013
di Don Leonardo M. Pompei

I bisogni temporali della Santa Chiesa. Tale Precetto vuole salvaguardare la missionarietà della Chiesa che, per sussistere ed espandersi, geograficamente e dunque spiritualmente, necessita ovviamente di mezzi materiali. Ogni fedele perciò, secondo le sue possibilità, è chiamato a dare il suo contributo.

I requisiti di un buon confessore
dal Numero 27 del 7 luglio 2013
di Don Leonardo M. Pompei

Non solo dal penitente ma anche dal sacerdote dipende la validità e la fruttuosità del Sacramento della riconciliazione. Al confessore infatti sono richieste alcune caratteristiche. Questo ministero divino è molto importante ed esige un adeguato atteggiamento…

Cosa dire quando mi confesso?
dal Numero 25 del 23 giugno 2013
di Don Leonardo M. Pompei

I peccati mortali devono essere sempre tutti confessati, avendo cura di specificare, nella Confessione, alcuni elementi, come di seguito si potrà leggere. È buona abitudine confessare anche i peccati veniali, sebbene non sia obbligatorio.

Il recupero di una vera femminilità. Nono Comandamento: “Non desiderare la donna d’altri”
dal Numero 11 del 17 marzo 2013
di Don Leonardo M. Pompei

Si è visto il danno morale e spirituale provocato da certi desideri illeciti, scaturiti da una moda procace e volgare. È salutare vedere ora come ciò possa essere evitato, mettendo da parte tali mode invereconde. Femminilità, modestia ed eleganza: queste le caratteristiche dell’abbigliamento di una vera donna.

Comunione sulla mano. Un diritto del fedele?
dal Numero 6 del 10 febbraio 2013
di Padre Francesco M. Budani, FI

La Comunione sulla mano è oggi una prassi molto diffusa... Un’attenta lettura della “Redemptionis Sacramentum” – istruzione che si prefigge di correggere alcuni abusi nei confronti dell’Eucaristia – ci mostra il pensiero della Chiesa al riguardo.

Tra calunnie, maldicenze e giudizi temerari. L’Ottavo Comandamento: “Non pronunciare falsa testimonianza”
dal Numero 3 del 20 gennaio 2013
di Don Leonardo M. Pompei

Una falsità particolarmente grave è la calunnia, che danneggia, oltre la persona di cui si sparla, l’anima di chi la pronuncia, come quella di chi l’ascolta. Anche il pensare male del prossimo senza prove fondate è da evitare: ogni cristiano deve scusare sempre il prossimo, se non nelle azioni, nelle intenzioni.

Le restrizioni mentali. L’Ottavo Comandamento: “Non pronunciare falsa testimonianza”.
dal Numero 2 del 13 gennaio 2013
Di Don Leonardo M. Pompei

L’Ottavo Comandamento proibisce ogni forma di menzogna: anche le “bugie di scusa” o le “restrizioni mentali” non sono ammesse. Quando si parla bisogna prestare molta attenzione, se non si vuole venir meno a questo precetto.

QUESTA SETTIMANA
Numero 47
del 03/12/2017

› Sfoglia l'anteprima!
PELLEGRINAGGI
Pellegrinaggio a Fatima ottobre 2017
Da lunedì 9 ottobre 2017
a lunedì 16 ottobre 2017
APPUNTAMENTI
Sulle vette dell'Amore

Da mercoledì 3 agosto 2016
a mercoledì 10 agosto 2016
COLORA E RIFLETTI
Scarica la vignetta e divertiti a colorarla!